lunedì 6 gennaio 2020

Segnalazione: Watergrace, di Hendrik R. Rose

Titolo: Watergrace
Autore: Hendrik R.Rose
Editore: Dark Zone
Pagine: 482
Link per l'acquisto QUI

La trama: In un futuro medievale due popoli diversi sono divisi dalla guerra e dall’odio. Gli ardesiani di Ardesia sono carnivori e fedeli agli dei, i rosensin di Rosemund vegetariani, atei e fumatori d’erba, solo la strabiliante attitudine al combattimento, arte ap presa sin da bambini, li accomuna e li unisce. Più volte, in segreto, tra i boschi ai confini dei due regni, le amazzoni di Rosemund invitano i vigorosi cavalieri di Ardesia a misurarsi in dispute fondate sullo sprezzo del pericolo e sulla tacita attrazion e. Pur dando prova della loro prestanza fisica e del loro coraggio, nei rosensin rimane solo un limite, la «watergrace», un incanto ancestrale che li rende incapaci di nuotare e che condanna alla morte chiunque abbia l’ardire di sfidare l’acqua. Una maled izione che Sophie, principessa di Rosemund ed Evan, cadetto di Ardesia, saranno costretti ad affrontare per sfuggire a una presenza ostile che dopo una lunga assenza tornerà per condurre ogni cosa nel caos. Un crepuscolo scenderà cupo sulla ragione e sulla pace trascinando Evan e Sophie, i due amanti, in un abisso da cui dovranno salvarsi da soli.

Breve estratto: Il piede batte colpi sul pavimento e il dito sfoglia pagine impolverate. Il tomo leggero, tanto da poterlo sostenere con una sola mano, era impilato in libreria e si nascondeva tra altri più imponenti. Evan si chiede cosa ci faccia tra i volumi della Reale Biblioteca di Ardesia un libro sul popolo di Rosemund, fanatici mangia - erba convinti che cibarsi di carne sia malsano. Si è rivelata tuttavia una lettura interessante, addirittura spassosa quando è arrivato al paragrafo sulla loro evoluzione avvenuta nel corso dei secoli. Grazie a duri e costanti addestramenti le gracili e spaventate creature sono diventate forti e coraggiose, tanto da trasformarsi in degni avversari di Ardesia, da sempre popolo di guerrieri. Con la differenza che a Rosemund anche le donne sanno come impugnare una spada o un arco. Evan storce il naso e si distende sui cuscini della panca. Soffia sul tomo e osserva la polvere aleggiare nell’aria prima di svanire. Belle quanto pericolose le ninfette mangia - bacche , sog ghigna tra sé. Non vi è nessun cenno sul perché i loro occhi si scuriscano a dismisura in caso di pericolo, né alcuna prova che attesti l’incapacità di mentire. Invece sono citati esempi sul loro rapporto controverso con l’acqua: watergrace, così è chiama ta l’incapacità di nuotare di ogni rosensin, è una antica credenza popolare diventata limite. O solo paura?

Nessun commento:

Posta un commento